/ Lifestyle. Carnevale in Malta

Fotografia di lifestyle e viaggi. Sviluppo della ricetta. Styling e fotografia food.

Tante città nel mondo gareggiano per chi ha carnevale più bello o caratteristico, da quelli sudamericani per passare ai Caraibi, saltando l’Atlantico per le Canarie a quelli europei e altri. Vi racconto un carnevale che sta nel mezzo, proprio come l’isola che lo ospita. Malta – un mix di culture, lì, in mezzo al Mare Nostrum, come dicevano i latini. Isola contaminata da mille culture, orgogliosa comunque della propria identità.

A febbraio in Malta di certo non si va a prendere il sole caldo nelle splendide spiagge; l’inverno è dolce ma spesso ventoso, la pioggia non si fa attendere ma l’atmosfera di festa si assapora, soprattutto nelle vie della città vecchia, La Valletta. Ero molto curiosa di conoscere le bellezze dell’isola e la sua cultura, anche in cucina. Quest’ultima rappresenta un mix tra quella siciliana e nord africana, con influenze inglesi. Anche i vini non hanno deluso, nonostante non sia da molto che l’isola si è attrezzata nella cultura della vite, con ottimi risultati direi.

Tornando al carnevale, quest’ultimo fu introdotto dall’ordine dei Cavalieri di Malta. I Cavalieri, che amavano le feste, videro il carnevale come un’occasione per poter bere, travestirsi e divertirsi. Sull’ argomento del carnevale da quei tempi non si è cambiato tanto e, oggi, i centri di attrazione della settimana “grassa” sono rimasti La Valletta e Gozo. Nella capitale squadre diverse preparano grandi carri colorati che sfilano lentamente nella piazza alle porte della città antica, tra gli spettatori mascherati e altri ballerini dai costumi grotteschi. Nell’isola di Gozo il carnevale è alternativo, dedito al riciclo dove gli abitanti colgono l’occasione per riutilizzare vecchi abiti e accessori vari all’insegna della spontaneità.
Prima della quaresima di digiuno ci si può lasciar andare a qualche peccato, di gola si’intende, e, per l’occasione avevo preparato il simbolo dolce di carnevale: chiamatele come volete, dipende in che regione d’Italia e del mondo vi trovate: Bugie, Chiacchere, Cenci, Sfrappole e altri mille modi ancora, per tutti i bambini piccini e anche più grandicelli…